Autostima adolescenti

Autostima adolescenti: i due momenti di perdita dell’autostima nell’adolescenza!

Autostima adolescenti

(i due momenti di perdita dell’autostima nell’adolescenza!)

Preferisci ascoltare anziché leggere? Allora ascolta il Podcast/video qui sotto (pubblicato sul canale Youtube Academy Autostima).

Nascita del concetto di autostima

Sembra che il concetto di autostima sia nato negli Stati Uniti, dall’intuizione di uno dei più importanti e pragmatici psicologi americani: William James.

Autostima adolescenti.  William James amava ripetere: «È la tendenza naturale propria della vita ad agire nella realtà per raggiungere uno stato di felicità, di benessere». Poi osservava che l’uomo non può agire per un suo futuro, non può creare progetti di vita se non crede prima di tutto nelle sue possibilità d’azione, nella forza delle proprie idee.

«Perciò – aggiungeva lo psicologo americano – ogni nuova filosofia o scienza si è sorretta sulla fede nella verità di certe idee prima che queste potessero essere verificate.»…

L’autostima come una sorta di “diritto” al perseguimento della felicità e dell’auto realizzazione dell’essere umano?

E ancora (come affermava James): l’autostima come il rapporto tra il successo e le aspettative delle persone?

Non solo, a mio modesto avviso la ricerca dell’autostima ha un certo buon senso e validità scientifica. Poiché se potesse scegliere, qualsiasi persona di buon senso preferirebbe avere una sana e alta autostima rispetto a una bassa.

Perché? Ma perché un’autostima sana e alta, equivale con certezza al benessere personale e all’efficacia. 

Tu non lo pensi?

Dimmi la verità: se tu potessi scegliere, non preferiresti avere un’autostima alta anziché bassa?

 

L’autostima negli adolescenti

Ma focalizziamoci sull’autostima degli adolescenti. Secondo lo psicologo americano Carl Pickhardt – uno dei massimi esperti di consulenza familiare – nasce in famiglia. In base alla sua grande esperienza, afferma:

  • «L’autostima può avere un impatto significativo sulle relazioni. Generalmente sembra che i membri della famiglia siano più inclini ad agire male gli uni verso gli altri quando si sentono male con se stessi. Peggio si sentono con se stessi, peggio trattano gli altri, e peggio vengono trattati in cambio. Tutto gira intorno al ciclo dell’infelicità. Nelle famiglie con scarsa stabilità affettiva ed emotiva, le relazioni possono diventare distruttive reciprocamente».

Se invece analizziamo quelle famiglie dove i membri hanno una sana autostima, dove la fiducia e l’armonia regnano all’interno del nucleo famigliare, si verifica esattamente il contrario: più è alta l’autostima nei singoli membri, più gli stessi tendono a trattarsi bene vicendevolmente.

  • Insomma, è come dire – seguendo l’interessante ragionamento di Carl Pickhardt – che nelle famiglie dove regna la stima reciproca tra i genitori, i bambini prima e gli adolescenti poi, hanno una maggiore possibilità di creare e mantenere una sana autostima.

 

Perdita dell’autostima negli adolescenti

Nella sua esperienza oltre trentennale con genitori e adolescenti, lo psicologo di Austin racconta di aver scoperto due grandi momenti di perdita di autostima durante il corso normale dell’adolescenza.

  • AUTOSTIMA ADOLESCENTI – Il primo momento di perdita di autostima avviene all’inizio dell’adolescenza (età 9-13 anni) quando l’infanzia nel bambino lascia il posto ad altri momenti. Molti interessi, attività e relazioni che hanno sostenuto l’autostima nel bambino possono essere sacrificati per motivi di crescita futura. Molti aspetti di valore psicologico del bambino possono essere gettati via. Per esempio vecchi giocattoli. Persino gli hobby e anche i nonni (considerati sino a poco prima adorabili) possono essere messi a distanza.
  • AUTOSTIMA ADOLESCENTI – La seconda caduta dell’autostima si verifica durante la fine dell’adolescenza (tra i 18-23 anni), quando il giovane si trova di fronte alla realtà dell’indipendenza. In molti casi potrebbe sentirsi a disagio, timoroso e persino sopraffatto da questa situazione. Non sono rari i casi in cui l’adolescente ha timore della sfida e si sente deluso da sé. In parole semplici: ha paura di ciò che lo aspetta.

L’autostima, dunque, ha a che fare con la definizione che l’adolescente ha di se stesso. Come si sente: vincente o perdente. Fallito o di successo.

Più questa definizione si allontana dalle aspettative dell’adolescente, più la sua autostima scende verso il basso. E viceversa: più la definizione che ha di se stesso si avvicina alle sue aspettative, più la sua autostima sale verso l’alto.

Quando l’adolescente è costantemente duro con se stesso – insistendo sulla perfezione assoluta (che non può esistere in nessun essere umano), criticando negativamente e continuamente i propri fallimenti, punendo puntualmente i propri errori – la stima dentro di sé crolla a minimi termini.

Partono allora pensieri negativi e distruttivi del tipo:

  • “Che sciocco che sono!”;
  • “Cosa c’è di sbagliato in me!”;
  • “Non posso fare niente bene!”;
  • “Non ci riuscirò mai!”;
  • “Sono un fallito, me lo dicono tutti!”;
  • E altro ancora.

Dunque, l’adolescente ipercritico con se stesso può entrare in crisi e ridurre sistematicamente la sua autostima.

 

Come aiutare un ragazzo con poca autostima

Un invito, un consiglio pratico per i genitori, un suggerimento ed un messaggio da memorizzare.

L’invito: fagli leggere “Il Venditore Meraviglioso”. Il più bel libro di autostima che abbia mai letto in vita mia, anche se non parla direttamente di autostima come spiego nel post che trovi al link sopra.

 Il consiglio pratico: ripeti loro questa mia frase. Interpretala come se fosse tua, non hai alcun bisogno di citarmi, di dire al ragazzo che l’hai letta nel mio blog.

  • «So che in questo momento ti senti a terra, deluso/a per i risultati che non arrivano.  Ma so anche che puoi farcela, che puoi tornare a credere in te stesso/a, a fare meglio. Mamma e papà credono in te. Gli errori fanno parte della vita, non devi assolutamente averne timore. Anche noi abbiamo sbagliato molte volte. Semmai prendi i tuoi errori e falli diventare dei punti di forza. Puoi ripartire da lì, dalla consapevolezza che puoi fare solo meglio di ieri. E domani. potrai fare meglio di oggi!»…

Il suggerimento: se tuo figlio o tua figlia sono in crisi di autostima e d’identità, invitali a leggere il mio libro “Autostima in 140 Caratteri“. Ha già aiutato moltissime persone: adulti e no. Sono certo che sarebbe di aiuto anche a loro.

Infine, il messaggio da memorizzare e fare tuo (leggilo e rileggilo con molta attenzione):

«Se obblighi tuo figlio a seguire i “tuoi” sogni, sei una persona egoista e stai profondamente sbagliando! Ascoltalo, cerca di capire quale sia il SUO talento e poi aiutalo a dare forma ai SUOI SOGNI…».

Giancarlo Fornei, Facebook e Instagram 20 giugno 2016

Stai vicino al tuo ragazzo, afferralo metaforicamente per mano e guidalo in questo momento difficile. Non smettere MAI di infondergli coraggio. Digli che hai fiducia in lui (o in lei). Digli che lo ami. E se hai bisogno di parlare con me, scrivimi a info@giancarlofornei.com

Giancarlo Fornei

 

 

Note finali dell’autore:
  • Un blog pieno di contenuti interessanti da leggere? Adolescienza. Non conosco l’autrice, ma mi è sembrata preparata e poi ha scritto molti libri sull’argomento (sinonimo di competenza).
  • Iscriviti nel mio gruppo chiuso su Facebook Academy Autostima. Vi troverai altre persone che, come te, sono alla ricerca di informazioni utili su come alimentare la propria autostima.
  • Oppure puoi seguire la Fan Page su Facebook Autostima. Al momento ci sono 2281 follower, che aspetti a mettere mi piace?
  • Visita Academy Autostima, il mio store online dove trovi tutti i miei libri e infoprodotti sulla crescita personale. Se uno dei miei libri fosse esaurito, mandami un messaggio su WhatsApp al 392/27.32.911 – farò il possibile per fartelo avere in tempi brevi.
  • Per scrivere questo lungo post, ho preso spunto da un bellissimo articolo scritto dallo psicologo americano Carl Pickhardt, Ph.D. (Austin, Texas). Trovi il post originale in lingua inglese su Psychology Today, a questo link.

 

——————————————–

Come Vivere Alla Grande in bella vista, durante il seminario di Giancarlo Fornei a Villa Fenaroli (Brescia) marzo 2015 - versione bianco e nero

Autore di “Come Vivere alla Grande”

il più bel libro motivazionale (autobiografico) che abbia mai scritto . Lo trovi su Amazon, a questo link (in versione cartaceo o audio libro), Oppure su Il Giardino dei Libri, a questo link(cartaceo ed ebook). Se desideri riceverlo a casa con una dedica personalizzata del coach toscano, scrivi a info@giancarlofornei.com.

 

Problemi di autostima? Contattami ora su WhatsApp al 392/27.32.911, con una sessione di coaching su Zoom, forse, posso aiutare anche te.

 

Chi è Giancarlo Fornei

Un bellissimo primo piano del volto illuminato dal sorriso del coach motivazionale Giancarlo Fornei - UAAMI Catania - 3 e 4 dicembre 2017

Toscano, nato a Carrara 60 anni fa. Ex marketer dei servizi, dal 1999 si occupa esclusivamente di crescita personale. In particolar modo, da oltre quattordici anni, “lavora” con le donne.

Le aiuta a VINCERE. Nella vita. Nel lavoro. Nello sport.

Conosciuto in rete come “Il Coach delle Donne” proprio per la sua grande esperienza di lavoro con l’Universo Femminile. In particolar modo, aiuta le donne in crisi di autostima, le imprenditrici nel beauty e hair care e le atlete agoniste.

A questo link, puoi conoscerlo meglio.

 

 

 

Iscriviti nella mailing list

Manda subito una email a info@giancarlofornei.com oppure un messaggio WhastApp al 392/27.32.911. Sarai iscritta/o nella mia mailing list Autostima.

  • Riceverai in Omaggio uno dei miei ebook/report sull’Autostima e, in anteprima via email, ogni settimana i miei articoli più belli.

Il tuo indirizzo email non sarà mai ceduto a nessuno e sarà trattato nel pieno rispetto della Normativa Europea e della Legge sulla Privacy Italiana. Potrai cancellarti quando vuoi, con un semplice click.

Autostima adolescenti è stato aggiornato il 9 gennaio 2023, alle ore 15,09

 

(Visited 1.079 times, 1 visits today)

Contact Us