La mente in automatico…

 

trasferimento (5)

Sono moltissime le cattive abitudini che costellano la nostra giornata (fumare, abbuffarsi, mangiarsi le unghie) e che meriterebbero di essere abbandonate per comportamenti più virtuosi.

Un compito molto difficile, anche quando scendono in campo esperti e psicologi.

Il problema è che ancora oggi l’approccio prevalente, almeno da parte dei medici è quello prescrittivo: non devi fare così , devi fare cosà.

L’atteggiamento prescrittivo può anche provenire da se stessi: i famosi buoni propositi, una sorta di autoimposizione, obiettivi che, nella nostra visione, dovrebbero essere raggiunti grazie alla forza di volontà.

Se finiamo di fallire nel compito è perché, per il nostro cervello, un’abitudine non è solo qualcosa di immateriale, ma è un automatismo profondamente radicato.

E’ l’effetto dell’abitudine.

  • Per il cervello un’abitudine è una via neuronale breve, che consente di ottenere un risultato con maggiore rapidità e senza richiedere energia ai sistemi di elaborazione cosciente.

Quando vogliamo acquisire nuove abitudini abbiamo bisogno di tempo e costanza, mentre quando vogliamo liberarcene spesso non ci riusciamo.

L’abitudine diventa qualcosa di appreso attraverso l’esperienza, per via della ripetizione costante acquisisce un elevato grado di fissità; una volta acquisite vengono eseguite in modo automatico.

  • Esistono anche le abitudini del pensiero che non hanno una componente motoria e possono essere alla base, per esempio, di alcune forme di pregiudizio (produzione di un pensiero indipendentemente dal giudizio).

Esiste un momento esatto un cui un gesto ripetuto molte volte diventa un’abitudine.

Bere troppo, mangiare troppo, spendere troppo, sono comportamenti che, in alcune persone, diventano abitudini.

Per evitare la tentazione bisogna avere autocontrollo.

Uno studio effettuato presso la George Mason University di Washington, ha dimostrato che questo meccanismo funziona solo in individui con un’autostima elevata e buone capacità di relazioni interpersonali e se si mette una certa distanza tra ciò che si decide di fare per abbandonare una cattiva abitudine e il momento in cui si dovrà procedere effettivamente.

Le persone prendono decisioni più razionali e controllano meglio i propri impulsi se programmano di farlo a distanza di tempo.

  • E’ più facile dire “dalla prossima settimana mangerò meno dolci” che mettere in atto immediatamente i buoni propositi.
  • E’ probabile che in questo modo il cervello, nel corso della settimana, visualizzi l’obiettivo e predisponga il terreno al cambiamento di strategia pratica.

Quando arriva il giorno fatidico, il nuovo comportamento non è ancora un’abitudine dal punto di vista concreto, ma lo è già da quello mentale.

 

Tratto da un bellissimo articolo di Daniela Ovadia su Mente & Cervello di Marzo 2010

(Visited 8 times, 1 visits today)
Please follow and like us:

CoachDonne

Toscano, nato a Carrara 58 anni fa. Ex marketer dei servizi, dal 1999 si occupa esclusivamente di crescita personale. Conosciuto in rete come "Il Coach delle Donne" per la sua grande esperienza di lavoro con l'Universo Femminile. Da oltre dodici anni aiuta le donne imprenditrici a vincere. Nel lavoro, come nella vita...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us

Enjoy this blog? Please spread the word :)

RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram