Due imprenditrici: così uguali e così diverse!

Due imprenditrici: così uguali e così diverse!

Il mondo dell’imprenditoria, femminile e non, è pieno di storie come quella che sto per raccontarti.

Luisa aveva una bella impresa nel settore della sartoria artigianale nella zona industriale di Monza e Carla un bel ristorante in centro a Verona.

Entrambe se la passavano bene: le loro attività prosperavano e Luisa e Carla avevano parecchi dipendenti.

  • Poi è arrivata la Pandemia.
  • Le prime difficoltà per entrambe.
  • La chiusura dell’Italia.
  • La crisi economia che soffia loro sul collo.

Diverse nella tipologia d’impresa, ma uguali nel subire una crisi economica senza precedenti.

Sappiamo tutti com’è andata a finire: la cassa integrazione che a molti dipendenti non è arrivata (neppure mio figlio l’ha vista sino alla fine di agosto). In molti casi, gli stessi imprenditori che l’hanno anticipata.

Passano i mesi del tristemente famoso Lockdown e, purtroppo, la piccola impresa di Luisa non riesce a ripartire e si ferma del tutto. Il ristorante di Carla, pur con un servizio rimaneggiato, riapre i battenti, ma con la sola metà dei dipendenti.

Siamo a fine settembre:

  1. Carla ha piano piano rimesso a regime il ristorante, facendo qualche variante e differenziando un po’ i suoi servizi.
  2. Luisa, purtroppo, non è ancora riuscita a ripartire e sta sempre più pensando di chiudere definitivamente la sua bottega artigianale sartoriale.

Dimmi, leggendo queste righe ti sei identificata, non è vero?

Non so in quale delle due storie, quella di Luisa o di Carla, ma una delle due la senti più vicina a te, è così?

Ma la vera domanda che devi porti è perché!

Perché Luisa è definitivamente affondata, mentre Carla è riuscita, in qualche modo, a rialzarsi da terra?

Erano molto simili, queste due donne. Entrambe avevano ottenuto ottimi risultati prima della pandemia. Entrambe erano brave imprenditrici, piene di sogni ambiziosi per il futuro. Entrambe erano felicemente sposate. Entrambe con figli.

Ed entrambe avevano subito la stessa pandemia, la stessa crisi economica, lo stesso momento di difficoltà.

Due imprenditrici: così uguali e così diverse!

Perché in effetti, una “forte” differenza c’è. E la differenza, amica che stai leggendo questo post (o amico, se sei un maschietto come me), sta in ciò che ogni persona sa e nel modo in cui fa uso di quella conoscenza. 

  • Luisa non ha saputo sfruttare al meglio le sue conoscenze. Non le ha integrate con qualcosa di nuovo, applicabile in momenti di crisi. Non ha saputo cambiare in corsa le sue strategie di marketing.
  • Carla si è rimessa a studiare. Ha scoperto che poteva affiancare, alla classica ristorazione, anche la cucina da asporto. Ha cambiato le sue strategie di marketing, adattandole al mercato e al momento temporale.

Non solo, la differenza sta anche nel carattere. Nella forza d’animo.

  • Luisa ha mollato. Si è lasciata andare. Ha smesso di credere nella sua meravigliosa “idea” e messo da parte i suoi sogni. Quasi rassegnata, si è richiusa in se stessa.
  • Carla ha reagito. Nonostante la pandemia e la crisi, non ha MAI smesso di crederci. Si è rivolta a un coach che l’ha prima supportata dal punto di vista motivazionale e, poi, le ha indicato una nuova strada da seguire.

Luisa ha smesso di investire: in marketing, comunicazione, idee, strategie, miglioramento del servizio.

Ha pensato che non fosse il momento giusto per farlo e si è come rintanata nel guscio, come una lumaca. In attesa di tempi migliori.

Ma c’è un piccolo inconveniente: se per la lumaca rintanarsi nel guscio può significare salvarsi dalle insidie del regno animale, per le leggi del business, un’imprenditrice che smette di investire finisce per suicidarsi da sola.

Lo so, il concetto è forte e mi scuso con te.

Ma è proprio quello che accade a tantissime piccole e piccolissime imprese che non riescono più a uscire dal loro guscio e chiudono definitivamente, le serrande della loro azienda.

E, credimi, spesso non è solo un problema di tasse troppo alte o di mancanza di liquidità.

Spesso, è unicamente un problema di “Visione”.

Viene meno la capacità di guardare oltre. Subentra la paura di non farcela. L’ansia e lo sconforto di non avere vie di uscita. Io stesso ho attraversato un momento del genere tra febbraio e marzo. Quando nel giro di poche settimane mi hanno annullato uno dietro l’altro, tutti i seminari che avevo in giro per l’Italia.

Oddio, e adesso come faccio? Come do da mangiare alla mia famiglia?

Questo, è stato il mio primo pensiero. Anche il tuo, vero?

Ma poi l’ho subito superato, perché anziché piangermi addosso, io sono uno che combatte, proprio come Carla. Mi sono ri-focalizzato e, per magia, mentre tutti andavano in apnea, io salivo sul pattino e cominciavo a remare, non curante delle onde.

Alla fine di questo settembre, ho superato il fatturato che ho fatto in tutto il 2019.

Magia? Assolutamente no.

Allora come ho fatto?

Semplice, mi sono rimesso in focus e differenziato ancor di più. Ho tagliato tanti di quei rami secchi che non hai idea. Alcuni talmente legati al mio ombelico da farmi persino male. Ma l’ho fatto. Ho preso coraggio e l’ho fatto.

Svegliati! Mentre tu aspetti tempi migliori (e l’aiuto di una Stato totalmente assente nei confronti delle partite Iva), i tuoi concorrenti ti strappano quote di mercato sempre più grandi.

I tuoi prodotti o servizi diventano obsoleti o, peggio, in caso di un ritorno della chiusura dell’Italia o di parti di essa, probabilmente il tuo business si fermerebbe. E la tua azienda potrebbe fare la stessa fine di quella di Luisa.

Come fare quindi?

È il momento di rimettersi a studiare, di cercare nuove strategie di marketing differenziante. Di fare quello che ha fatto Carla con il suo ristorante, che ha trasformato in “cucina da asporto” durante il Lockdown e, ancora oggi, usa come nuovo servizio.

Oppure, se me lo permetti, di fare quello che ho fatto io con la mia attività professionale: focalizzandola al massimo e differenziandomi da tutti i miei concorrenti.

Perché puoi dire tutto quello che vuoi, di me, ma non che sono uguale agli altri. Io sono DIVERSO. Orgogliosamente DIVERSO da tutti i formatori e i coach che conosci.

Anche tu devi sfruttare ogni conoscenza che hai, ogni risorsa economica con operazioni di marketing concrete e mirate, per risvegliare il tuo business e renderlo più produttivo, solido e competitivo di prima.

Devi fare come Carla, guardare avanti agire e cambiare. Non come Luisa, fermarti ad aspettare, con la speranza che qualcuno ti aiuti.

Il succo della storia che hai appena letto è semplice: chi si ferma è perduto!

Quante “Luisa” conosci che si sono fermate con la propria impresa? Che si sono arrese. Che hanno mollato prima del tempo?

Io troppe, ecco perché ho scritto questo lungo post. Voglio farti sapere che non sei sola, che puoi sempre contare su di me. Ma che, indipendentemente dal mio aiuto, TU PUOI FARCELA.

Devi unicamente fare tre cose:

  1. Ri-focalizzare la tua impresa, trovando il coraggio di tagliare tutti i prodotti e i servizi che non ti generano reddito e non sono in linea con il tuo focus principale.
  2. Differenziarla al massimo dai tuoi concorrenti in modo da essere UNICA sul mercato.
  3. Continuare a insistere sul punto uno e due, poiché per esperienza diretta, sarai tentata di mollare alle prime difficoltà.

Luisa e Carla, due donne imprenditrici: così uguali e così diverse!

Ti sii come Carla.

Un forte abbraccio e che la FORZA sia con te…

Giancarlo Fornei

 

 

Chi è Giancarlo Fornei

Un bellissimo primo piano del volto illuminato dal sorriso del coach motivazionale Giancarlo Fornei - UAAMI Catania - 3 e 4 dicembre 2017

Toscano, nato a Carrara 58 anni fa. Ex marketer dei servizi, dal 1999 si occupa esclusivamente di crescita personale. In particolar modo, da oltre dodici anni, “lavora” con le donne e, nello specifico, con le donne imprenditrici.

Le aiuta a rilanciare le loro imprese. A trovare un focus. A differenziarsi dalla concorrenza.

Conosciuto in rete come “Il Coach delle Donne” proprio per la sua grande esperienza di lavoro con l’Universo Femminile. Aiuta le donne imprenditrici a vincere. Nella vita e nel lavoro.

A questo link, puoi conoscerlo meglio.

 

 

Sei una donna imprenditrice? Libera professionista? Artigiana? Commerciante? Sei in difficoltà con la tua azienda o attività? Contatta ora Giancarlo Fornei via WhatsApp al 392/27.32.911 per fare la tua sessione di coaching su Zoom per capire come puoi migliorare il tuo focus e il tuo posizionamento sul mercato. La sessione “Analisi Focus” costa solo 147 € (con fattura) e, laddove poi dovessi proseguire a lavorare con il coach toscano, tale importo ti sarà scalato dai suoi compensi di progettazione.

 

Please follow and like us:

CoachDonne

Toscano, nato a Carrara 57 anni fa. Ex marketer dei servizi, dal 1999 si occupa esclusivamente di crescita personale. Conosciuto in rete come "Il Coach delle Donne" per la sua grande esperienza di lavoro con l'Universo Femminile. Da oltre dieci anni aiuta le donne a vincere. Nello sport, come nella vita...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enjoy this blog? Please spread the word :)

RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram